Crea sito

 

 

Migliori SitiHome        Banners       Elenco poesie       

San Martino

La nebbia agl’irti colli

Piovigginando sale,

E sotto il maestrale

Urla e biancheggia il mar;

  

Ma per le vie del borgo

Dal ribollir de’ tini

Va l’aspro odor de i vini

L’anime a rallegrar.

Gira sui ceppi accesi

Lo spiedo scoppiettando:

Sta il cacciator fischiando

Su l’uscio a rimirar 

  

Tra le rossastre nubi

Stormi d’uccelli neri

Com’esuli pensieri

Nel vespero migrar.

Giosuè Carducci

Parafrasi

La nebbia, sciogliendosi in una leggera pioggerella,

Risale per le colline rese quasi ispide dalle piante ormai prive di foglie.

E, spinto dal vento freddo di nord-ovest

Il mare rumoreggia infrangendosi sugli scogli e diventa spumoso.

  

Ma per le vie del paesino rurale si diffonde,

Dai tini dove fermenta il mosto

L’odore aspro del vino nuovo

Che rallegra i cuori.

  

E intanto, sulla brace del focolare

Scoppiettano le goccie di grasso che cadono dallo spiedo

Su cui cuoce la cacciaggione;

E il cacciatore se ne sta sull’uscio

A guardare stormi di uccelli che sembrano neri

A contrasto con le rosse nubi del tramonto,

Come quei pensieri che spesso vorremmo mandar via.

Commento

Giosuè Carducci è nato e ha vissuto la sua infanzia nella Maremma Toscana, alla quale è rimasto molto affezzionato e le ha dedicato molte poesie. Questa è composta da quattro strofe di quattro settenari ciascuna.  Ogni primo verso è sciolto, ogni secondo verdo fa rima con il terzo e tutti i quarti fanno rima fra loro (ABBC  DEEC  FGGC  HIIC). Essa si può considerare una rappresentazione cinematografica.

All’inizio ci sarà una panoramica, con la nebbia che risale le colline diventando pioggia e il mare spumeggiante spinto dal maestrale. Poi uno zoom, e l’immagine del borgo con un paesaggio reso allegro dal vino, contrastante con la precedente cupezza. Poi un altro zoom, fino alla casa del cacciatore, che, dopo aver messo la selvaggina allo spiedo, si sta guardando intorno.

Infine l’obbiettivo si sposta nuovamente su uno sfondo cupo, quello degli uccelli neri, ma con una nota di vivacità: il rossore delle nubi.

Links utili

http://www.confidenzialmente.com/racconti/san_martino_carducci.htm (testo e commento)

http://it.answers.yahoo.com/question/index?qid=20080227064117AAcuwUo (parafrasi)

http://geniv.forumcommunity.net/?t=12525560 (figure retoriche)

http://it.wikipedia.org/wiki/Giosu%C3%A8_Carducci (l’autore)

http://www.youtube.com/watch?v=G1ws7XOhToo&feature=related (video canzone)